Sanremo 2016: le pagelle ai look e ai makeup della finale

Inserito da in LifeStyle | 0 commenti

Sanremo 2016: le pagelle ai look e ai makeup della finale

15 febbraio 2016

Sono state cinque serate davvero intense, piene di momenti divertenti, altri toccanti e altri ancora da dimenticare. Sanremo 2016, però, è piaciuto quasi a tutti, me compresa. Vi dirò la verità: un po’ mi mancherà cenare presto e passare le serate sul divano, con lo smartphone in una mano e il telecomando nell’altra, impaziente di vedere i look e i makeup delle cantanti in gara e commentarli in diretta sui social. Ma ho ancora le pagelle della finale da fare, anzi, le scrivo in diretta con voi! Pronte a leggerle?

 

Madalina Ghenea VOTO 6

Ghenea sanremo Collage

Cosa fai se non riesci in cinque giorni a trovare un correttore per coprire le occhiaie della Ghenea? Cerchi di spostare l’attenzione da un’altra parte… sulle tette magari! Ottima Idea. E fu così che da Madalina in stile Fatina si passò a Madalina stile Porcellina. Vi giuro, io sono una ragazza super moderna, di ampie vedute… ma questo abito non ha nulla di sensuale e il pericolo volgarità era davvero tanto, troppo vicino. Certo, il fisico di Madalina è a dir poco perfetto ma questo non giustifica la mancanza di almeno 467 cristalli, da applicare sul corpetto e sulla zona “farfallina”.  Le regalo la sufficienza, ma perchè sono davvero buona di cuore.

Arisa VOTO 6


Arisa sanremo Collage

L’abito scelto per la finale era il più carino tra quelli sfoggiati al Festival (vi ricordate la vestaglia scelta per la prima sera? Ve la mostro qui). Nel suo complesso, però, il look non raggiunge la sufficienza a causa dell’abbinamento calza + sandalo che, a mio avviso, stona davvero troppo. Non credo che dentro l’Ariston mancassero i riscaldamenti, quindi, cara Arisa, sarebbe stato molto meglio lasciare i collant in camerino. Da dove arriva allora il 6 finale? Tutto merito del makeup! Ragazze avete visto che trucco perfetto? I toni neutri degli ombretti scelti per il makeup occhi vanno a dare intensità allo sguardo senza appesantirlo: Arisa, lo sappiamo, è una ragazza dallo stile acqua e sapone. Le labbra rosse, invece, sono un must a cui difficilmente la cantante rinuncia e fa benissimo! Le sue labbra carnose sono perfette per essere vestite di rosso e aggiungere quel tocco di sensualità al trucco che la rende subito più donna. Promossa, per il rotto della cuffia, ma promossa.

Annalisa VOTO 9 

Annalisa sanremo Collage

Annalisa, sera dopo sera, ci ha sempre stupito positivamente con i suo look eleganti e raffinati e i suoi makeup impeccabili e anche per la finale le nostre aspettative sono state soddisfatte a pieno. Lo splendido abito nero, impreziosito da piccole fasce luccicanti, avvolgeva il suo corpo senza mai costringerlo e facendola sembrare una moderna sirena. Anche per il makeup l’attenzione era tutta concentrata sulle labbra grazie ad un rossetto dal colore super intenso e dal finish matte. Sugli occhi, invece, confermata la scelta di un trucco dal sapore romantico, caratterizzato da ombretti sui toni neutri. Ragazze, non trovo un difetto nemmeno cercandolo con la lente di ingrandimento. Era perfetta!!

Noemi VOTO 7

Noemi sanremo Collage

Cosa c’è che non va nel look di Noemi? Nulla apparentemente. Il fatto è che questo abito mi pare di averlo già visto. Si, si, è praticamente identico a quello indossato nella sua prima esibizione (potete fare il confronto cliccando qui): stessa scollatura, stessa cintura sotto il seno, solo il colore cambia. Forza Noemi, un pochino di originalità in più non avrebbe fatto male. Promosso a pieni voti il makeup: come stanno bene i rossetti dai colori intensi a questa ragazza…

Dolcenera VOTO 8

Dolcenera sanremo Collage

Anche qui abbiamo classe da vendere. Dolcenera con questo abito nero lungo, ricco di trasparenze e dettagli in pizzo tono su tono, ha davvero lasciato tutti a bocca aperta. Certo, l’apertura strategica sotto le ascelle non mi ha fatto fare i salti di gioia, ma per fortuna le braccia sono rimaste quasi sempre giù. Bellissimo, anche in questo caso, il makeup. Le labbra sono state vestite da un rossetto color carne molto naturale a cui è stato abbinato un gloss  trasparente. Sugli occhi, invece, via libera ad uno smokey intenso sui toni del marrone e dell’oro con tanto di ciglia finte. Brava Dolcenera, per me è si!

Francesca Michielin VOTO 7

Francesca sanremo Collage

La tuta color rosa cipria, per rimanere nel mood “Una ragazzina a Sanremo”, non era affatto male! La scollatura generosa e i dettagli in stile rock sulle maniche hanno aggiunto quel pizzico di carattere in più che mancava, ad esempio, nel look della sua prima sera al Festival (lo trovate qui). Meraviglioso, anche in questo caso, il makeup. Si nota subito la grande attenzione che il makeup artist ha dedicato alla base: il viso di Francesca sembra davvero di porcellana. Le labbra scure, infine, sono l’elemento che l’hanno resa più donna e così a noi piace decisamente di più!

Irene Fornaciari VOTO 7

Irene sanremo Collage

Perchè il giubbino in pelle? Perchè? Sto davvero pensando che l’Ariston abbia risparmiato sui riscaldamenti. Non si può indossare un bellissimo abito e coprirlo con un giubbino. Capisco che questa scelta può essere interpretata come: ” Voleva aggiungere un dettaglio rock” ma l’ha davvero penalizzata. Bellissimo, invece, il makeup, realizzato davvero ad opera d’arte. Visto come, grazie al contouring, sono riusciti ad addolcire i suoi lineamenti spigolosi? Promossa, anche se poteva impegnarsi di più.

Ragazze , con questo post abbiamo concluso l’argomento Festival di Sanremo. Vi ca di dirmi in un commento la vostra cantante preferita? Io, ma credo che già lo abbiate capito, al primo posto metto Annalisa!

 

Articoli correlati:

Lascia un commento

Licenza Creative Commons
Tutti i contenuti pubblicati su PepperChic.com di Paola Floriana Riso sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 4.0 Internazionale.
Based on a work at http://www.pepperchic.com.
Seo PackagesWhat is seo - seo tips

Per migliorare l'esperienza dei propri utenti PepperChic utilizza dei cookie, anche di terze parti. Proseguendo con la navigazione si accetta l'utilizzo di tali strumenti.

COOKIE POLICY La presente Cookie Policy ha lo scopo di illustrare i tipi e le categorie di cookie, le finalità e le modalità di utilizzo dei cookie da parte di pepperchic.com, nonché di fornire indicazioni agli utenti circa le azioni per rifiutare o eliminare i cookie presenti sul sito. Che cosa sono i cookie? I cookie sono costituiti da porzioni di codice (file informatici o dati parziali) inviate da un server al browser Internet dell’utente, da detto browser memorizzati automaticamente sul computer dell’utente e rinviati automaticamente al server ad ogni occorrenza o successivo accesso al sito. Solitamente un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene, la durata vitale del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente) ed un valore, che di regola è un numero unico generato in modo casuale. Ad ogni visita successiva i cookie sono rinviati al sito web che li ha originati (cookie di prime parti) o a un altro sito che li riconosce (cookie di terze parti). I cookie sono utili perché consentono a un sito web di riconoscere il dispositivo dell’utente e hanno diverse finalità come, per esempio, consentire di navigare efficientemente tra le pagine, ricordare i siti preferiti e, in generale, migliorare l'esperienza di navigazione. Contribuiscono anche a garantire che i contenuti pubblicitari visualizzati online siano più mirati ad un utente e ai suoi interessi. Se l’utente decide di disabilitare i cookie, ciò potrebbe influenzare e/o limitare la sua esperienza di navigazione all’interno dei Siti, per esempio potrebbe non essere in grado di visitare determinate sezioni di un Sito o potrebbe non ricevere informazioni personalizzate quando visita i Siti. Come funzionano e come si eliminano i cookie? Le modalità di funzionamento nonché le opzioni per limitare o bloccare i cookie, possono essere regolate modificando le impostazioni del proprio browser internet. La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookie in modo automatico, l’utente può tuttavia modificare queste impostazioni per bloccare i cookie o per essere avvertito ogniqualvolta dei cookie vengano inviati al suo dispositivo. Esistono diversi modi per gestire i cookie, a tal fine occorre fare riferimento al manuale di istruzioni o alla schermata di aiuto del proprio browser per verificare come regolare o modificare le impostazioni dello stesso. L’utente è abilitato, infatti, a modificare la configurazione predefinita e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando il livello di protezione più elevato. Qui sotto il percorso da seguire per gestire i cookie dai seguenti browser: Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies Safari: http://support.apple.com/kb/PH11913 Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it-IT&hlrm=fr&hlrm=en Firefox: http://support.mozilla.org/it-IT/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences Se l’utente usa dispositivi diversi tra loro per visualizzare e accedere ai Siti (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), deve assicurarsi che ciascun browser su ciascun dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookie. Per eliminare i cookie dal browser Internet del proprio smartphone/tablet è necessario fare riferimento al manuale d’uso del dispositivo. Quali tipologie e categorie di cookie utilizza Condé Nast e per quali finalità? I Siti utilizzano diverse tipologie di cookie ognuna delle quali ha una specifica funzione. Condé Nast utilizza i cookie per rendere l’uso dei Siti più semplice e per meglio adattare sia i Siti che i propri prodotti agli interessi e ai bisogni degli utenti. I cookie possono essere usati anche per velocizzare le future esperienze e le attività degli utenti sui Siti. Inoltre, Condé Nast utilizza i cookie per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di capire come gli utenti utilizzano i Siti e per migliorare la struttura e i contenuti dei Siti stessi. I Siti di Condé Nast utilizzano o possono utilizzare, anche in combinazione tra di loro, cookie: di “sessione” che vengono memorizzati sul computer dell’utente per mere esigenze tecnico-funzionali, per la trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito; essi si cancellano al termine della “sessione” (da cui il nome) con la chiusura del browser; “persistenti” che rimangono memorizzati sul disco rigido del computer fino alla loro scadenza o cancellazione da parte degli utenti. Tramite i cookie persistenti gli utenti che accedono ai siti (o eventuali altri utenti che impiegano il medesimo computer) vengono automaticamente riconosciuti a ogni visita. Cookie di terza parte Quando un utente utilizza i Siti, è possibile che vengano memorizzati alcuni cookie non controllati da Condé Nast. Questo accade, per esempio, se l’utente visita una pagina che contiene contenuti di un sito web di terzi. Di conseguenza, l’utente riceverà cookie da questi servizi di terze parti. Sui cookie di terza parte Condé Nast non ha il controllo delle informazioni fornite dal cookie e non ha accesso a tali dati. Queste informazioni sono controllate totalmente dalle società terze secondo quanto descritto nelle rispettive privacy policy. La tabella che segue riporta i cookie di terza parte presenti sui Siti Condé Nast. Questi ultimi ricadono sotto la diretta ed esclusiva responsabilità del gestore terzo e sono suddivisi nelle seguenti macro-categorie: Analitici: sono i cookie utilizzati per raccogliere e analizzare informazioni statistiche sugli accessi/le visite al sito web. In alcuni casi, associati ad altre informazioni quali le credenziali inserite per l’accesso ad aree riservate (il proprio indirizzo di posta elettronica e la password), possono essere utilizzate per profilare l’utente (abitudini personali, siti visitati, contenuti scaricati, tipi di interazioni effettuate, ecc.). Widgets. Rientrano in questa categoria tutti quei componenti grafici di una interfaccia utente di un programma, che ha lo scopo di facilitare l'utente nell'interazione con il programma stesso (a titolo esemplificativo sono widgets i cookie di Facebook, Google+, Twitter). Advertsing. Rientrano in questa categoria i cookie utilizzati per erogare servizi pubblicitari all’interno di un sito.

Chiudi